Grida e mormorii – Gianluca Lancieri

Eloquenza e afflizione di versi in un percorso di metabolizzazione del dolore che si trasforma in una forza invisibile e misteriosa. Gianluca Lancieri grida la sua sofferenza e la rende una richiesta d’aiuto capace di essere accolta solo dall’amore per la vita.

Il cielo s’è fatto scuro

ha pianto forte.

Ed io

mi sono annuvolato

leggero

al suo fianco.

Sofferenza, afflizione e dolore profondo trovano solo nella presenza di un amore la libera trasformazione. Amore che necessita di perdono e salvezza. È il dolore a muovere la penna ma anche la rabbia, entrambi motori di un forte cambiamento.

C’è qualcosa che urla e qualcosa che invece diviene mormorio ma la penna e la sua forza graffiante restano le stesse. Quelli che sembrano ammonimenti si trasformano presto in un viaggio che il poeta compie verso se stesso, tra le proprie ferite.

Mi sento

come un rudere steso

su questo prato

coperto di neve.

Molti i sentimenti in contrasto che trovano armonia nei versi e bellezza nei sentimenti che Gianluca Lancieri riesci chiaramente a trasmettere. Una penna pulita può essere impugnata solo da un cuore sincero, ne sono certa.

Tu sola

hai difeso la mia poesia

dalla mia stessa rabbia.

Gianluca Lancieri è un cantautore e poeta nato il 26 Giugno del 1980 a Rivoli (TO).
Si forma artisticamente spinto dall’istinto di scrivere e musicare il testo.
All’età di 10 anni abbraccia la prima chitarra classica regalatagli dai genitori e impara a suonare e cantare le canzoni dei grandi autori italiani.
Gli albori delle sue prime canzoni risalgono al 1997, quando insieme al bassista Stefano Lancieri fonda gli Araldite, la prima formazione ufficiale dalle chiare influenze “Consoliane”, dovute alla passione dei due verso Carmen Consoli.
Il progetto si concretizza nel 1998 con la registrazione della prima demo “Manchi”, contenente due brani inediti dalle musiche rock – pop/rock. I brani “Le coltellate che mi date” e “Manchi”, furono inviati alle grandi major che ne apprezzarono i testi e invitarono il cantautore a proporsi sul mercato discografico come autore.
Nel 2010 insieme al chitarrista solista Andrea Esposito, realizza il primo Ep acustico “Polline al Vento”, autoprodotto, contenente quattro brani inediti, tra cui l’ironica “Vodka”, subito molto apprezzata dal pubblico e diventata presto il cavallo di battaglia dell’artista.
Il 10 Dicembre del 2012 fonda l’Associazione Culturale Legione Creativa, attraverso la quale nel corso del 2013, organizza diversi concerti nella scena live torinese.
Nell’estate del 2013 partecipa attivamente al progetto benefit “Controvento Music Tour”, ideato da Matteo Zuliani in arte Alp King, a favore dell’Associazione Libera contro le mafie. In questa avventura rocambolesca promuove la sua musica in molte città italiane e raccoglie fondi da destinare all’Associazione Nazionale.
Il 10 Novembre 2014, dopo quasi due anni dalla fondazione di Legione Creativa di cui è il Presidente, insieme ad Ale De Rosa, fonda l’Etichetta Discografica Fermento Records, volta a produrre e a promuovere musica indipendente.
Nel 2015 scrive la sua prima raccolta di poesie “Amore, ho preso un granchio” in attesa di pubblicazione.

Bello aver collaborato con gli amici di Tempra Edizioni e con Marianna Iannarone, direttore editoriale di una realtà che ha fatto della poesia e della letteratura il centro della propria vita.

Leave a reply