Pancake a mezzogiorno e riflessioni

La domenica, questa domenica, è il giorno dei pancake a mezzogiorno.

Cosa c'entreranno mai i pancake con le mie riflessioni?

Tutto e niente, se non la semplice libertà di infrangere uno schema e vivere secondo le mie sole sensazioni; quelle del momento. Ho una decisione importante da prendere, l'ennesima decisione che mi farà ricominciare da capo, in un posto nuovo con un lavoro stimolante e che mi piace davvero, ma anche questo avrà un prezzo, perchè ogni volta che inseguiamo un sogno, la realtà che ci eravamo costruiti crolla. E ne ricostruisci un'altra, in un'altra città, sempre lontano da chi ami ed un pò più vicina a te stessa. Forse il punto è che ho radici troppo forti e stabili per limitarmi a vedermi nello stesso luogo a fare la stessa cosa per i prossimi trent'anni. Forse ho compreso intimamente che la meta è il viaggio e, come il cappellaio matto in Alice, non posso fare a meno di cambiar continuamente posto a sedere.

E allora bevo il caffè, faccio la doccia e vado a fare la spesa, mi vedo con un amico per il caffè e per parlare di questo sogno. Sappiamo sempre cosa fare e quale decisione prendere, lo sappiamo che sappiamo volare, solo che a volte abbiamo bisogno che qualcuno di cui ci fidiamo ci ricordi chi siamo e cosa vogliamo. Un caffè non troppo espresso ci da il tempo di considerare tutti i pro e i contro; non pochi. Poi la caffeina mi da una sferzata di buon umore e capisco che il solo pensiero di prendere quella decisione, mi fa sentire la vita che scorre nelle vene.

Ho tutto, è vero, un bel lavoro, passioni che coltivo con energia, riscontro e ottimi risultati, una famiglia che mi ama, amici fantastici e la libertà di mangiare pancake a mezzogiorno. Pancake che non sono solo pancake, solo il gesto estremo di chi ha deciso di vivere solo secondo le proprie regole. Ed io ho impiegato un pò di anni a comprenderlo. Vivere così è un compromesso che chiaramente ti toglie qualcosa, ma se quel qualcosa non è ciò che ritieni prioritario nella vita, allora il gioco è fatto.

Ed ora, per me, questi pancake sono la massima espressione del mio essere. L'idea di partire, ricominciare, fare sempre qualcosa di nuovo, da senso a me come donna e all'Uniforme che vesto. Sarebbe facile, comodo e semplice accontentarsi ma al solo pensiero mi sentirei morire.

E allora so che ripartirò, che cambierò, che metterò ancora una volta tutto in una valigia e che cercherò me stessa lontano dai luoghi che conosco troppo bene. Pancake a mezzogiorno e riflessioni è solo un attimo di tregua che mi sono concessa per comprendere cosa sia davvero importante per me. E ciò che conta lo senti perché ti accende, ti fa vibrare a frequenze più alte e quando prendi la decisione giusta lo sai perché la vita si accende e ti accende.

Vi auguro di sentirvi così, qualsiasi cosa facciate, in qualunque luogo decidiate di vivere: vi auguro milioni di pancake a mezzogiorno accompagnati da riflessioni che cambieranno la vostra vita.

Leave a reply