NAPOLI – SALVATORE PAPPACENA, PRESENTAZIONE SCULPTURE COLLECTION 2018

Una sfilata d’arte senza tempo quella dello stilista Salvatore Pappacena che all’ Hera Not Only Wedding ha presentato la sua “Sculpture Collection”.

Una donna romantica vestita di personalità.  A fare da protagonista, oltre all’indiscusso buon gusto, l’originalità.

salvatore pappacena maria perillo

 

Ogni abito, sia  da cerimonia che da sposa, è stato costruito con determinazione a cui i giochi di colori e di tessuti hanno regalato la leggerezza dell’esser donna; Pappacena osa ed il suo entusiasmo lega meglio del cotone, le trame dei suoi abiti.

Tulle e pizzo fanno da protagonisti elegantemente mixati, ogni estro è fortemente voluto e anche gli accostamenti che chiunque altro renderebbe volgari, Pappacena li trasforma in sculture che incantano.

 

salvatore pappacena maria perillo

 

Gli abiti hanno abbagliato, togliendo il tempo di guardare qualsiasi altra cosa, anche i volti meravigliosi delle modelle, dinanzi alle sue stoffe, sono passati in secondo piano.

Un ritorno importante del punto vita, caratteristica indiscussa della donna che vuole apparire per quello che è; femmina ed elegante!

Pappacena fà di più e, seguendo la linea sinuosa dei fianchi, abbonda con gonne che si staccano regalandoti due abiti in uno.

 

salvatore pappacena, maria perillo blogger

 

Il suo stile ha una vena incantanta, dosata in una pozione magica con la decisione del concetto sculpture; se Pappacena fosse una fiaba sarebbe ambientata sicuramente nel Paese delle Meraviglie!

Ci piace questa sculpture collection, è piaciuta alle ragazze giovani ma anche alle donne mature, ha emozionato le future spose ma anche gli amici dello stesso Salvatore, i fotografi e tutte le persone (moltissime) che non sono riuscite ad entrare e guardavano il defilè dal maxischermo fuori dalla sala.

Salvatore ha osato, non solo in termini di sartoria ma di mentalità, ha stravolto il concetto di matrimonio e, valorizzando la tradizione, ha reinventato la figura della sposa che va di pari passo con la donna di oggi; una donna forte, affermata ma che, romantica, vuole ancora sognare l’amore in tutta la sua femminilità e delicatezza.

 

                                                  

E poi, per non farci mancare nulla, i pois, finemente applicati su una gonna scultorea.

                                                     

Lo abbiamo incontrato nel backstage dopo la prima sfilata, intento a seguire le sue creazioni come creature che vedono per la prima volta la luce in passerella, una passerella delicata fatta di fiori, candele e fiocchi; i fiocchi decisi dei suoi abiti che avvolgono, disegnano e valorizzano la figura.

Alla domanda; “dove prende vita la tua passione?” Salvatore non riesce a dare una risposta scontata;

“è una domanda a cui non so mai rispondere, da che “ricordo di ricordare” ho in mente solo e sempre gli abiti, li disegno, li creo, li ricamo. Tutti gli abiti mi rappresentano ed in ogni abito c’è una parte di me. Di anno in anno mi evolvo anche con gli abiti da sposa, l’anno scorso ho puntato sul fattore sexy, quest’anno ho puntato tutto sullo scultoreo, sul definito e costruito. Il punto vita è il  fattore più importante da mettere in evidenza e, perché no, con una cinta che agganci una gonna che, staccandosi, cambia versione all’abito rendendolo un abito da sera. Mi ispiro a donne femminili che abbiano delle forme da valorizzare!”

 

 

Più che un sogno che diventa realtà, gli abiti di Salvatore fanno vivere un’ avventura; proprio nel paese delle meraviglie, nel suo paese delle meraviglie fatto di stoffe, ricami, fiocchi, tulle, pizzo e amore per una professione particolare che non si può portare avanti senza entusiasmo e passione. Seguire una sposa nel giorno decisivo della sua vita è una sfida ma al tempo stesso un viaggio fatto di pazienza ed il risultato ottimale è dato sempre e solo dal fattore Amore!

 

 

 

 

 

 

 

Leave a reply